ⓘ Pietro Vassena

                                     

ⓘ Pietro Vassena

Pietro Vassena è stato un inventore e imprenditore italiano.

Inventore autodidatta con una grande passione per lacqua, per il lago e per le scoperte; oltre a meritarsi una laurea in ingegneria honoris causa, avrebbe costruito negli anni il mito e la leggenda del "motonauta".

La sua bottega creativa si trovava a Lecco, in via Cavour, dove trascorreva quasi tutte le sue giornate; autore di molte invenzioni e titolare di svariati brevetti, divenne celebre per aver immaginato e realizzato il C3 batiscafo col quale stabilì, il 12 marzo 1948 ad Argegno Como, il record mondiale di immersione, raggiungendo la profondità di -412 metri.

Pietro Vassena già nel 1930 aveva anche sperimentato e poi brevettato il particolarissimo sistema skivass, una ingegnosa proposta tecnologico-sportiva a metà strada tra gli sci e delle canoe; grazie al quale, diceva il lancio promozionale, chiunque sarebbe stato in grado di camminare sullacqua ".

Le realizzazioni di Vassena che ottennero i migliori risultati commerciali furono in campo motoristico, a partire dal Bicimotore Faini del 1923, pensato per gli ecclesiastici, poi sviluppato in alcuni modelli di motoleggera, sempre con telaio aperto superiormente, prodotti con marchio "Vassena".

Dopo la parentesi bellica, nel 1948, limprenditore-artista Donnino Rumi affidò a Vassena la progettazione del propulsore per le motociclette che era intenzionato a produrre, destinate a divenire un successo internazionale. Tale motore era unevoluzione del bicilindrico 2T concepito da Vassena, pochi anni prima, per equipaggiare la "Volpe", una miniauto progettata da Gioachino Colombo e disegnata da Flaminio Bertoni, che allinsaputa dei progettisti si rivelò lo specchietto per allodole di una delle più celebri truffe del secondo dopoguerra.

Nei primi anni cinquanta progettò lavveniristico "Automotoscooter" per la Carniti di Oggiono, cui Vassena aveva ceduto i propri brevetti per motori nautici. Tra questi, il geniale "Elios" del 1946, un microfuoribordo universale, riponibile in una custodia di violino, che ebbe un notevole successo.

La lista dei brevetti di Vassena è lunghissima. Tra i più brillanti troviamo una sveglia di plastica trasparente ed il "Grillo Volante", una macchina in grado secondo linventore di volare, viaggiare sulla terra ferma e sullacqua.

Il batiscafo C3, primo mezzo sottomarino studiato per la ricerca scientifica, che valse allinventore linteressamento della stampa mondiale e lamicizia del fisico francese Auguste Piccard e del figlio Jacques, sinabissò nelle acque al largo dellisola di Capri, il 20 novembre 1948, a causa di un incidente. Pietro Vassena fece di tutto per recuperare il suo batiscafo, ma inutilmente.

Si spense lasciando incompiuto lo sviluppo e la realizzazione di un suo progetto per un motore alimentato a idrogeno.

Il 5 settembre 2009 alle ore 21, nel cortile di Palazzo Agudio, lassociazione culturale il Melabò, in collaborazione con la Comunità Montana del Lario Orientale e il Comune di Malgrate, ha ricordato il geniale inventore dedicandogli uno spettacolo dal titolo: "Qui, sotto il cielo di Capri - Viaggio poetico-musicale fra sogni di gloria e "illusioni perdute".

A Pietro Vassena e a Tommaso Agudio suo concittadino, lassociazione culturale il Melabò, in collaborazione con lassessorato alla Cultura del Comune di Malgrate, ha dedicato, dal 14 al 25 aprile 2012, nella Sala della Quadreria Bovara Reina, una Mostra di pittura e scultura sugli inventori le invenzioni. Alla loro meritoria opera di inventori - rispettivamente del batiscafo C3 e del sistema funicolare - il Melabò ha allestito per linaugurazione della Mostra uno spettacolo dal titolo: "Un dì allazzurro spazio - Viaggio poetico-musicale fra ascese montane e profondità marine".

                                     

1. Note e curiosità

Nel 1940 fu insignito della laurea honoris causa in Ingegneria dal Politecnico di Milano.

Risultano sui studi ed applicazioni sul GASOGENO per autotrazione.