ⓘ Mameli Barbara

                                     

ⓘ Mameli Barbara

Mameli Barbara è stato un disegnatore italiano, fu vignettista, illustratore, cartellonista cinematografico e giornalista.

                                     

1. Biografia

Figlio di Luigi e Rosa Bertolini. Dopo aver frequentato per alcuni anni il Liceo" Ximenes” nella città natale, conseguì la maturità classica al" Visconti” di Roma. Frequentò poi lAccademia di Belle arti. Sposato con Noemi Monacelli, non ebbe figli. Iniziò subito a disegnare per le pagine satiriche sportive, collaborando prima al Brillante, a Il Littoriale, a Il Tifone e, via via, con decine di riviste e quotidiani, tra cui: MarcAurelio ; "Bertoldo" Milano, 1936-1943; "La tradotta del fronte giulio" Slovenia e Dalmazia, 1942; "Pasquino" Roma, 1943; "Marforio" Roma, 1944; "Pettirosso" Roma, 1944;.

Nel dopoguerra collaborò a "Orlando" Roma, 1945; "MarcAntonio" Roma, 1946; "Il Pollo" Roma, 1946; "Il Travaso" Roma, 1946; "Il Minuto" 1946; "Belzebù" Roma, 1947; "La Sigaretta" Roma, 1947; "Semplicissimo" Roma, 1948; "Travasissimo" Roma, 1948; "Colombo" Roma, 1949; "LElefante" Roma, 1949; "Pace e Libertà" Milano, 1953; "Oplà" Torino, 1955; "Pace e Lavoro" Milano, 1955; "Roba da pazzi" Roma, 1955; Gazzettino di Venezia ; "La signorina Sette" ; "Il Corriere" Roma; La Stampa ; "Lo Spettacolo dItalia" ; "Gioventù Fascista" ; "Gente Nostra" ; "Italia Nuova" ; "LOpinione" ; "Il Punto" ; "La Sera di Roma" ; "Il Popolo" ; "Rivistissima" ; "Bazar" ; "8otto" ; Giornale di Sicilia e il Giornale dItalia. Fu inoltre autore di alcuni manifesti pubblicitari.

A renderlo famoso furono le" donnine” e" signorine” a cui si dedicò dagli esordi e che gli assicurarono un posto preminente tra gli illustratori erotici italiani del suo tempo, inventori delle "pin-up allitaliana". Non meno graffiante fu il suo impegno come vignettista di satira politica. Ma lumorista siciliano è stato, soprattutto, il leader dei disegnatori cosiddetti" mondani”: celebri rimangono le sue avvenenti ragazze, rappresentate in molteplici serie di vignette: Dal dottore, Quartieri alti, Donne, donne, Quando lei è così, Amor, amor, dove i temi dominanti sono il" gallismo” maschile e la civetteria femminile.