ⓘ Nikola Mušmov

                                     

ⓘ Nikola Mušmov

Mušmov seguì per diversi semestri i corsi di scienze politiche alla Sorbona di Parigi, ma a causa della mancanza di fondi si fermò e tornò in Bulgaria. Nel luglio 1898 fu un delegato della società macedone di Provadija al quinto congresso del Supremo comitato macedone.

In seguito si interessò di musealizzazione. Per molti anni lavorò come segretario e contabile 1894 - 1918 al Museo archeologico nazionale di Sofia. Solo nel 1918 fu nominato dal direttore, Bogdan Filov, curatore del Dipartimento numismatico. Dal 1928 al 1931 è stato direttore del Museo nazionale.

Grazie alla sua natura dolce, al suo estro e ai buoni contatti, riuscì ad assicurare al museo una serie di notevoli tesori di monete e diverse grandi collezioni private Vasil Avramov, ecc.

Per pubblicare nel 1912, il suo libro Antiche monete della penisola balcanica, ipotecò la sua casa a Sofia. Non fu mai in grado di recuperare il suo investimento per liper-inflazione causata dalla guerra.

Studiò principalmente la numismatica antica e medievale. È autore di 6 monografie e di oltre 90 articoli e rapporti scientifici.

Mušmov fu membro fondatore effettivo dellIstituto Archeologico bulgaro 1920, nonché membro della società storica a Sofia, della società scientifica numismatica francese, della Royal Society e di altre società numismatiche. È stato uno dei fondatori, nel 1923, dellIstituto scientifico macedone.

                                     

1. Pubblicazioni

È stato autore di diversi testi di numismatica, compreso il rapporto del tesoro di Reka Devnja Le antiche monete della Penisola balcanica le monete degli zar bulgari Античните монети на Балкански полуостров и монетите на българските царе, pubblicato nel 1912.

La loro importanza è ancora rilevante: il tesoro di Reka Devnja è tuttora una delle migliori misure della rarità relativa tra le monete romane del II secolo.